Capocciate giovanili

Ricordate quando eravate dei pupetti in fasce, sbrodolanti e con l’unico pensiero in testa di dormire?
Non credo proprio.
Ma di sicuro vi è capitato di tenere fra le braccia un neonato. Vostro fratello o sorella, vostro figlio, vostro nipote, il figlio di un vostro amico, uno sconosciuto… E, di sicuro, vi sarete divertiti a passare la mano sulla loro piccola testa, notando una zona “vuota” sul capo, la cosidetta fontanella. Si tratta di un area dove l’osso della volta cranica deve ancora formarsi al 100% e nei primi mesi di vita è costituito da cartilagine.

Questo è il tipico esempio di uno sviluppo ontogenetico, ovvero di una struttura che cambia col crescere dell’individuo.
Tale fatto avveniva anche con i dinosauri.

Uno degli esempi più famosi e recenti è quello dei pachicefalosauri.
Pachycephalosaurus era un dinosauro erbivoro che visse alla fine del Cretaceo in Nord America. La sua caratteristica più famosa (si, ricordate bene, il “Frate Tuk” di Jurassic Park 2) è il cranio a cupola, costituito da un ispessimento dell’osso della volta cranica.
Assieme a lui, sono state ritrovate altre due specie: Dracorex hogwartsia (si, avete letto bene, il “drago di Hogwarts”….) e Stygimoloch spinifer. Il primo è caratterizzato da una volta cranica appiattita, irsa di spuntoni. Il secondo è una forma intermedia tra il Pachycephalosaurus e il drago: un abbozzo di ispessimento, e meno corna sul cranio.

Inizialmente interpretate come specie differenti, un recente studio (Horner and Goodwinm 2009) ha dimostrato che essi rappresentano una serie di crescita di una singola specie:

Giovane (Dracorex) – subadulto (Stygimoloch) – adulto (Pachycephalosaurus)

Dracorex presenta una struttura microscopica dell’osso cranico molto spugnosa; in Pachycephalosaurus l’osso è compatto; infine in Stygimoloch, la condizione è intermedia.
Durante la crescita, quindi, il cranio si ispessiva a forma di cupola e le spine andavano via via riducendosi.

A cosa sono dovuti questi cambiamenti?
Differenti stili di vita? Competizione?

… o forse, capocciate affettuose?

pachycephalosaurus

 

Bibliografia:

John Horner, Mark Goodwin. 2009. Extreme Cranial Ontogeny in the Upper Cretaceous Dinosaur Pachycephalosaurus. PLOS.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...