Ambra con sorpresa!

Testimonianze fossili recenti confermano che anche i dinosauri si cacciavano nei pasticci.  Pasticci non da poco!

Torniamo indietro nel tempo, a 99 milioni di anni fa, nella Birmania del Cretaceo “medio”.

Immaginate di essere dei bellissimi teropodi dalla coda morbida e piumosa (ebbene sì!). Più precisamente piccoli rappresentanti di quel grande gruppo chiamato Maniraptora, di cui fanno parte specie famose come Velociraptor e Archeopteryx. Immaginate di passare, per sbaglio, sotto una bella pianta, che per uno sfortunato scherzo del destino vi rovescia addosso una secchiata di resina. Che sfortuna. Che paura!!! Provate invano a chiedere aiuto a un vostro simile, che purtroppo non riesce a togliervi di impiccio. La vostra coda è ancora lì, invischiata nella resina, e non c’è modo di liberarla. Per voi non c’è più speranza.

È un triste epilogo, lo so.

Ma giornate tristi come questa potrebbero avere qualche risvolto positivo dopo qualche milione di anni.

Chissà… magari quando la resina sarà diventata ambra…

.. e arriviamo ai giorni nostri.
Xing et al (2016) descrivono la prima coda fossilizzata in ambra, appartenente ad un piccolo dinosauro carnivoro. La coda appare come una struttura curva, ricoperta interamente da una fitta rete di piume. Osservazioni fatte grazie all’utilizzo di micro-CT hanno permesso di analizzare (almeno, in parte)  otto lunghe vertebre caudali complete, più parte della nona. La coda probabilmente apparteneva ad un esemplare giovanile!

Questo bellissimo reperto ha ormai conquistato l’attenzione di tutti, e a ragione! Se pensiamo che fino a poco tempo fa gli unici reperti di dinosauri erano soltanto le loro impronte e ossa, e raramente pelle fossilizzata…

la paleontologia non finisce di stupire!

dinotailamber

Bibliografia:

Xing et al. 2016. A Feathered Dinosaur Tail with Primitive Plumage Trapped in Mid-Cretaceous Amber, Current Biology http://dx.doi.org/10.1016/j.cub

 

Advertisements

Una risposta a “Ambra con sorpresa!

  1. Inizio col dire che, ragazzi, il disegno è geniale.
    Il ritrovamento è straordinario e chiuderà definitivamente la bocca di coloro che, ancora oggi, si ostinano disperatamente a considerare glabri i loro adorati Maniraptora (o almeno lo spero) perché “piumati non riesco a immaginarli”.
    Certo, un bel passo avanti dall’avere zanzare intrappolate nell’ambra (Jurassic Park) ad avere pezzi (solidi) d’animale (per quanto terra-terra, di questo stiamo parlando). Urge rivisitazione del romanzo 😛 Scherzi a parte, sarebbe bello avere altri ritrovamenti di questa tipologia, per quanto improbabile possa risultare la cosa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...